Browsing articles in "certificazione energetica"

certificazione energetica

Set 8, 2012   //   by admin   //   certificazione energetica  //  No Comments

Attestato di Certificazione Energetica (ACE)

L’attestato è un documento ufficiale, valido 10 anni, prodotto da un soggetto accreditato             (certificatore energetico) e dai diversi organismi riconosciuti a livello locale e regionale. La sua    utilità al momento ha tre scopi principali:

  • per il rogito: L’Attestato di Certificazione energetica di un immobile è richiesto per gli atti notarili di compravendita dal 1º luglio 2009 e per i contratti di locazione dal 1º luglio 2010. L’obbligatorietà è divenuta però effettiva e non derogabile solo dal 29 marzo 2011, col Dlgs n. 28/2011, in quanto a partire da tale data sono nulli gli atti di compravendita o di affitto privi della apposita clausola nella quale “l’acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la certificazione energetica degli edifici”.
  • per l’accesso alle detrazioni del 55% sul reddito IRPEF: l’attestato energetico è parte della documentazione necessaria per ottenere gli sgravi fiscali.
  • per pubblicizzare annunci immobiliari, in quanto dal 1º gennaio 2012 è divenuto obbligatorio indicare la classe energetica delle unità immobiliari.
L’attestato ha validità di 10 anni a partire dalla data di protocollo dell’ufficio della regione Lazio addetto al suo recepimento. La sua validità è inoltre condizionata all’assenza di interventi sull’edificio (quali modifiche degli infissi, dei tramezzi interni e tamponature esterne ecc. ecc.) e al possesso del libretto della caldaia e i suoi successivi controlli obbligatori. L’ACE non è necessario in abitazioni che non hanno impianto di riscaldamento (case rurali senza impianti, cantine, box auto ecc.).

L’attestato energetico o “Attestato di Certificazione Energetica (ACE)” è il documento che stabilisce in valore assoluto il livello di consumo dell’immobile inserendolo in una apposita classe di appartenenza. Più è bassa la lettera associata all’immobile, maggiore è il suo consumo energetico. “A” è la classe più alta e corrisponde alle così dette case passive (case che sono ad impatto 0 e di fatto non consumano energia perché quella che producono è sufficiente se non superiore); “G” è la classe più bassa e corrisponde a case che hanno un elevatissimo consumo energetico. Statisticamente Roma ha oltre il 80% di appartamenti che si trovano tra la classe “E” e “F”.

Redazione dell’Attestato o della Qualificazione Energetica

Si definisce Attestato di Certificazione Energetica il documento redatto in conformità delle Linee Guida emanate col decreto ministeriale del 26 giugno 2009 che introduce su tutto il territorio nazionale la Certificazione Energetica degli edifici; in particolare la normativa regionale del Lazio è stata recentemente aggiornata al 2012.

Per redigere l’Attestato di Certificazione di un edificio o di una unità immobiliare è necessario effettuare dei calcoli per quantificare i consumi energetici dell’edificio in condizioni di utilizzo e climatiche standard a seconda della zona climatica.

 

Gli obiettivi della certificazione energetica degli edifici

  • Migliorare la trasparenza del mercato immobiliare fornendo agli acquirenti ed ai locatari di immobili un’informazione oggettiva e trasparente delle caratteristiche e delle spese energetiche dell’immobile.
  • Informare e rendere coscienti i proprietari degli immobili del più probabile costo energetico relativo alla conduzione del proprio “sistema edilizio” e incoraggiare interventi migliorativi dell’efficienza energetica della propria abitazione mediante consigli che abbiano un corretto rapporto costi/benefici.
  • La certificazione consente agli interessati di ottenere dal fornitore/venditore di un immobile informazioni affidabili sui probabili costi di conduzione il cui calcolo si basa su condizioni climatiche e di utilizzo standard.
  • L’acquirente deve poter valutare se gli conviene acquistare un immobile dal costo maggiore ma migliore dal punto di vista della gestione e manutenzione.
  • Anche i produttori ed i progettisti possono confrontarsi in tema di qualità edilizia offerta.
  • I proprietari che apportano miglioramenti energetici importanti ma poco visibili, come isolamenti termici di pareti, tetti, etc., possono veder riconosciuti i loro investimenti con un aumento del valore del proprio immobile.

Elenco Categorie

Gli esperti rispondono

Continuando a navigare il sito stai acconsentendo all'utilizzo dei cookies. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi